Home

Il tè in giappone

In Giappone quando si dice “tè” (お茶; ocha)  si intende “tè verde” (緑茶; ryokucha), e questo è giustificato dalla sua diffusione.

In Giappone si produce esclusivamente tè verde  che viene in gran parte assorbito dal mercato interno. Il tè viene coltivato in cespugli bassi, modellati per assomigliare a delle morbide onde che rendono i giardini assolutamente splendidi da vedere. Bello da vedere e buono da mangiare/bere….. 🙂

In Giappone il tè verde fu importato dalla Cina, durante la dinastia Song, grazie a Myōan Eisai, un prete buddista che inoltre introdusse la scuola Rinzai del buddismo Zen.

I tipi di tè sono classificati in base alla qualità e alle parti delle piante utilizzate, e in base al tipo di lavorazione. Ci sono grosse variazioni di prezzo e qualità all’interno di queste categorie. I migliori tè giapponesi provengono da Uji (prefettura di Kyoto), Shizuoka e Yame (prefettura di Fukuoka).

玉露 Gyokuro (Jade Dew)
il nome è dovuto al colore verde pallido dell’infusione. È un tè di penombra con alto contenuto in caffeina (0.16% in infusione)  ma il significativo contenuto di L-Teanina interferisce con l’assimilazione della caffeina e ne attenua gli effetti. I tipi principali sono:
  • Kanro Gyokuro (il più raffinato e uno dei più costosi tè giapponesi)
  • Netto Gyokuro
抹茶 Matcha (rubbed tea)
le foglie vengono cotte al vapore, asciugate e ridotte in polvere finissima. È usato nella cerimonia del tè. È anche un aroma per i gelati e altri dolciumi in Giappone. Anche Matcha cresce all’ombra, come il iGyokuro. I migliori tipi sono Uji Midori e Ajirogi. Ce ne sono due tipi:
  • koicha (spesso) proviene da piante di età superiore a 30 anni
  • usucha (sottile) proviene da piante di età inferiore ai 30 anni
  • 煎茶 Sencha (broiled tea)
  • Le foglie sono esposte direttamente alla luce del sole; è utilizzato in Giappone per il consumo giornaliero, essendo il più diffuso tè verde giapponese.
  • 冠茶 Kabusecha (tè coperto) è un tè di penombra (come il Gyokuro) ma tagliato come il Sencha; ha un gusto più morbido e un colore più delicato rispetto al Sencha tradizionale.
  • Shincha (new tea) rappresenta il primo raccolto dell’anno di Sencha (che normalmente avviene in Aprile)
  • 玉緑茶 Tamaryokucha anche detto Guricha entrambi i nomi significano “tè riccioluto”, per la forma delle foglie; dà un infuso verde brillante con un sottilissimo aroma di noci; proviene da Kyushu.
  • Fukuyu cresce alle falde del monte Fuji, ricco in vitamina C
番茶 Bancha (common tea)
è un tè naturalmente a basso contenuto di caffeina, e si trova nelle varianti:
  • 焙じ茶 Hōjicha (pan fried tea): costituito dalle foglie più grosse dell’arbusto lievemente tostate (va lasciato in infusione per 4-5 minuti)
  • 茎茶 Kukicha (stalk tea): costituito da rametti di tè leggermente tostati (va bollito per 10 minuti)
玄米茶 Genmaicha (Brown-Rice tea)
derivato dal Bancha o dal Sencha, misto a riso o grano soffiato; alcuni produttori aggiungono anche un pizzico di Matcha. È povero in caffeina e ha un aroma lievemente di orzo tostato; ottimo abbinato al cioccolato.
….vi aspettiamo, buona giornata!
(fonti: Wikipedia, teatimeclub)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...